MANCHESTER
la città industriale che non ti aspetti

di Francesca Scomparin

Indice dei contenuti

Manchester è la città che mi ha adottata dal lontano 2014. La scelta è capitata un po’ per caso, mentre cercavo un corso di inglese da frequentare all’estero. Pensavo di rimanerci giusto qualche mese, il tempo per imparare bene la lingua, ma mi è piaciuta così tanto che ho deciso di trasferirmi. In Italia al momento non avevo più un lavoro e ho deciso di darmi un’opportunità diversa. Voglio quindi farti scoprire, la Manchester che vedo io ogni giorno e che rappresenta in fondo un po’ tutta l’Inghilterra del Nord.

Come raggiungere Manchester 

Manchester dall’Italia è collegata molto bene dai principali areoporti, con voli giornalieri. Partendo da città come Milano, ci sono più voli al giorno. Da ottobre 2021, a causa della Brexit, è necessario avere il passaporto per visitare l’Inghilterra; la sola carta d’identità non basta più. 

Cosa fare e vedere a Manchester

Manchester, conosciuta sui libri di scuola per aver dato vita alla rivoluzione industriale, è la terza città per estensione in Inghilterrra, dopo Londra e Birmingham. Nonostante ciò, il centro non è molto grande e si può visitare in un paio di giorni.

La città cambia forma continuamente e da quando sono arrivata io, lo spazio verde sta purtroppo lasciando pian piano via libera al cemento di grattacieli iper moderni.

I parchi sono fuori dal centro città, ma si possono tranquillamente raggiungere con i mezzi pubblici, sia con il bus che con il Metrolink (a Manchester non c’è la metropolitana).

Il più grande è Heaton Park, famoso anche per il festival musicale Parklife che di solito si svolge nel mese di giugno.

Altri due parchi importanti, anche se più piccoli per estensione, sono Platts Field Park e Alexandra Park.

Manchester per la sua posizione è una delle città più piovose del Regno Unito (motivo per cui a causa della forte umidità, il cotone non si sfibrava durante la lavorazione a livello industriale). Ma non scoraggiatevi per questo, perchè ci sono un sacco di cose da fare e vedere anche all’interno.

Gallerie d’arte

Manchester Art Gallery e Whitworth Gallery, sono quelle più importanti. Entrambe hanno sia collezioni permanenti che temporarenee.

Musei

Ti consiglio di visitare il Manchester Museum , all’interno dell’Università di Manchester (il museo è momentaneamente chiuso fino a febbraio 2023).  

Se sei un amante del calcio invece, fermati al National Football Museum. Museo interattivo dislocato in più piani. Il divertimento è assicurato!  

Sempre in centro, trovi il People History Museum,  altro Museo interattivo che racconta la storia del popolo inglese.

Da notare che molti musei sono a ingresso gratuito oppure viene chiesta un’ offerta libera per la visita.

Musica

Manchester dal punto di vista musicale ha un panorama molto vario, da qui sono nate numerose bands. Solo per citarne alcune, The Smiths, The Stone Roses, Joy Division, New Order, Oasis. 

Durante l’anno ci sono artisti internazionali che si esibiscono all’ O2 Arena di Manchester (uno degli indoor più grandi d’Europa). 

Se amate invece la musica classica, il Bridgewater Hall e il RNCM (Royal Northern College of Music) sono dei posti che vi dovete assolutamente segnare per vedere qualche concerto.

Tappa da non mancare, al Matt&Phred’s, situato al Northern Quarter per ascoltare musica live, se sei un appassionato di Jazz.

Northern Quarter

Questo quartiere di viuzze piccolissime è pieno zeppo di locali, pubs, bars e negozi vintage. Trascorri qualche ora ed immergiti nello stile Manc (Mancunian, sono gli abitanti di Manchester). 

La seconda domenica del mese, invece nel mercatino che viene organizzato a St. Stevenson Square, puoi trovare bancarelle di vestiti e oggettistica varia. Non mancano cibarie varie tipiche, come ad esempio gli scotch eggs o i brownies.

Esperienza di shopping assolutamente da non perdere è l’emporio Afflecks. Perditi in questo edificio con negozi vintage indipendenti. Prima di entrare dal portone principale, butta un occhio alla scritta che si trova sul muro esterno dell’edificio. È un famoso emblema della città:  “and on the sixth day God created  MANchester”.

Market Street e Piccadilly Gardens

Piccadilly Gardens e Market Street sono il centro di Manchester. Ad essere sincera non sono le zone più belle della città e sono un po’ abbandonate a se stesse. Market Street è la zona che è stata sventrata dopo l’esplosione della bomba del 1996 da parte dell’IRA, ed è stata riscostruita completamente. È una via interamente dedicata allo shopping con il fulcro del centro commerciale Arndale. Solitamente lungo questa via si esibiscono diversi musicisti di strada.

Teatri

Anche dal punto di vista teatrale, Manchester non ti lascerà a bocca asciutta. Ci sono diversi teatri importanti e con produzioni di un certo spessore. Dall’ Opera House al Palace Theatre.
Io ti consiglio altri due teatri, un po’ più piccoli ma più intimi. Il Royal Exchange, teatro dalla forma circolare ricavato dall’edificio che una volta ospitava la borsa di Manchester. L’Hope Mill, invece, è uno spazio piccolissimo di nicchia, dove ci ci sono produzioni meno famose e si esibiscono compagnie teatrali con giovani attori.

Ancoats

L’hope Mill è ad Ancoats. Questa area è passata, nel giro di qualche decennio, da essere una delle zone più malfamate della città a una delle più rinomate e costose dove vivere. All’interno di questo quartiere, addentrati nelle vie di ex fabbriche e industrie completamente rinnovate in moderni appartamenti, fino a raggiungere la marina dove sono armeggiate le boat houses. All’ interno di Ancoats, troverai anche una piccola area della Little Italy.

Biblioteche e non solo

Oltre alla Central Library, che non potrai non notare in quanto è un edificio enorme dalla forma circolare, una tappa obbligatoria è alla John Rylands in Deansgate. Qui ti sembrerà di entrare nel mondo di Harry Potter con scaffali pieni zeppi di libri antichi dal soffitto al pavimento. Perditi nelle stanze di questo mondo magico per un pò prima di uscire e tuffarti nel vicino quartiere di Spinnigfield. Una zona super moderno, dove si trova uno dei posti più in voga del momento, il 20 stories. È un locale situato in una terrazza dell’ultimo piano di un palazzo, da dove potrai ammirare Manchester dall’alto. Se è una giornata di sole, ti consiglio di andarci verso l’ora del tramonto.

Castelfield

Se dal centro prosegui verso Deansgate, una delle vie principali del centro, ti troverai a Castefield. Castefield è un incrocio di palazzi nuovissimi, pubs, con ponti che si intersercano uno sull’altro. La caratteristica di Manchester sono queste costruzioni ex industriali in mattoni rossi, moltissime delle quali fortunamente ristrutturate. Ed è proprio in questa zona che puoi notare come l’archittettura nuova e vecchia si fonde in armonia senza stridere.

MOSI

In questa zona si trova il MOSI, il museo della scienza e dell’industria. Se sei interessato alla storia di Manchester e della Rivoluzione Industriale, è una tappa che non puoi assolutamente saltare. Anche questo spazio è interattivo, con un sacco di attività da svolgere.

Curry mile 

Manchester è una città multiculturale, con un miscuglio di nazionalità e culture. Alla fine di Oxford Road, la strada principale che porta all’Università di Manchester, ti troverai nella zona comunemente chiamata Curry Mile. Qui ci sono un sacco di ristorantini asiatici e del medio oriente con locali aperti fino a notte fonda. Questa zona è frequentata per lo più da studenti, essendo una delle aree più economiche dove vivere.

Manchester United e Manchester City

Anche se non sei un amante di sport, saprai che Manchester è sinonimo di calcio. Se hai qualche ora a disposizione, vale la pena fare la visita a questi due stadi. Sono esattamente agli opposti della citta, ma si possono raggiungere tranquillamente entrambi con il metrolink.

Se vuoi visitarli, ci sono dei tour organizzati su prenotazione. Per andare a vedere una partita, invece, trovare i biglietti per l’Old Trafford (Manchester United) è molto più difficile rispetto all’Etihad (Manchester City), ma vale la pena tentare ugualmente.

Salford Quays

Sempre raggiungibile con il tram e non molto distante dall’Old Trafford, si trova la zona di Salford Quays. Ex darsena, è uno dei progetti più grandi di ristrutturazione urbana del Regno Unito, dopo la chiusura dei cantieri navali. In questa zona, si affacciano le aree commerciali e residentiali di Media City, con le sedi della BBC, l’Imperial War Museum e il Lowry. Quest’ultimo è un teatro con annessa una mostra permanente dedicata a Lowry, famoso pittore di Manchester che ha impresso nei suoi quadri la vita industriale di questa città.

Gay Village – Gay Pride

La zona del Gay Village, è una delle più chiassose e colorite della città. L’atmosfera che si respira è sempre rilassante e festosa allo stesso tempo. Durante il periodo primaverile-estivo, lungo Canal Street ti puoi godere una birra all’aperto in uno dei tanti pub/locali che poi di sera si trasformano in locali da ballo aperti fino a notte inoltrata.

Ogni anno viene organizzato il Gay Pride, di solito durante il mese di agosto. Un evento dalla durata solitamente di un week end con il momento clou della sfilata lungo le strade del centro città.

Dove mangiare a Manchester

A Manchester, hai l’imbarazzo della scelta di locali e ristoranti per fermarti a mangiare e bere. Ti indico alcuni posti che secondo me sono da provare. 

The Wharf a Castefield, è un pub molto carino che ha un enorme scoperto. Qui prova il Sunday Roast, piatto inglese servito solo di domenica. È un arrosto di carne, accompagnato da patate, Yorkshire pudding, la salsa gravy e altre verdure tipo carote e cavolfiori. Al Mr Thomas Chop’s House, invece assaggia il tipico Fish and Chips.

Se invece vuoi entrare in un ex-mercato coperto, vai al Mackie Mayor Market. Qui ci sono una serie di “stalls” di cibo tra le quali scegliere, puoi variare dalla pizza (a Manchester ti sorprenderà), al All Day English Breakfast.

Per fermarti invece a bere una birra, tra i tanti pubs dislocati ovunque, ti consiglio uno dei più vecchi, il The Old Wellington, situato vicino alla Cattedrale.

Dove dormire

Vivendo a Manchester non ho posti specifici da consigliare, ma ci sono molti hotel in centro, con fasce di prezzo diverse. Considera inoltre, che l’aereporto di Manchester dista solo circa una ventina di minuti di treno dalla stazione di Piccadilly. 

Dintorni di Manchester

Se decidi di fermarti qualche giorno e vuoi visitare un pò i dintorni, ti consiglio di affittare una macchina e fare un giro nel Lake District National Park, a nord di Manchester. È appunto un “distretto” di laghi, molto suggestivo per immergerti nella natura, seguendo diversi percorsi e sentieri.

Se invece preferisci la vita urbana, prendendo tranquillamente il treno puoi raggiungere le città di Liverpool, Chester e York

In conclusione

Pensando all’Inghilterra, Manchester forse non è la prima meta che viene in mente, ma sicuramente, come direbbero gli inglese “it is a city with vibes”. È una sensazione che non ti so spiegare, ma questa città ha un qualcosa di particolare, un’anima. Sensazione che ho provato in poche città che ho visitato. Un ultimo consiglio, se decidi di venire a Manchester scegli il periodo estivo, per un motivo che ancora riesce a sorprendermi dopo quasi otto anni! Ti puoi godere le giornate molto a lungo, con la luce, fino a quasi le undici di sera. Però ricordati sempre di avere con te l’ombrello e il vestiario a cipolla! È pur sempre estate inglese!

See you soon! 

manchester salford quays by night Salford quays by night

Francesca Scomparin

Pinterest Virtual Assistant

Ciao! Sono Francesca, appassionata di viaggi da sempre. Il mio blog è un progetto nel cassetto che vorrei realizzare a breve. Nel frattempo uso la mia creatività sbizzarrendomi come Pinterest Strategist e lavorando un po' dove capita, tra Manchester e il resto del Mondo. Seguimi se oltre ai viaggi vuoi anche scoprire come usare Pinterest per il tuo blog.

il mondo attraverso voi

Sei un blogger e vuoi raccontare il tuo luogo del Cuore?

5 risposte

  1. Wowww….devo dire ad Andrea che non deve venire solo per lo Stadio 🤣🤭
    Prima o poi arriveremo anche noi a farti visita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *